Intignazzato

Claudio Calzana, Eye wide shut

Come è noto la prosa di Gadda è irta e affascinante, ricca di vocaboli che sono uno spettacolo. È il caso di questo passo del «Pasticciaccio»: «Il palazzo dell’Oro, o dei pescicani che fusse, era là: cinque piani, più il mezzanino, intignazzato e grigio». Ad attirarmi è intignazzato, che sta per ridotto in cattivo stato, rovinato. È forma spregiativa di intignato, che viene da intignare, ovvero il frutto della roditura fatta dalle tarme. Come non figurarsi quel mezzanino rovinato, corroso, macchiato, buio? Espressione perfetta del Gadda, maestro come pochi nell’impiego di parole belle.

Per chi proprio insiste, e prega, ecco altre espressioni affascinanti e misteriose.

Permalink link a questo articolo: https://www.claudiocalzana.it/2012/03/intignazzato/

4 commenti

Vai al modulo dei commenti

    • mariangela il 22 Marzo 2012 alle 15:11
    • Rispondi

    …che tu Maestro CCalz abbia sempre pronta una citazione – anzi due – mi fa venir su una invidia, ma una invidia… Sai di quelle invidie che se ci pensi quasi quasi ti senti una gallina che guarda volare la poiana? Vabbé, me ne faccio una ragione… razzolo e sbecchetto. A ciascuno il suo, come diceva il grande Sciascia (ops, questa la so) 🙂

  1. Hai proprio ragione, Mariangela. Intignarsi è voce regionale che sta per intestardirsi. Senti un po’ il Moravia: “Uno dei venditori …mi dava più fastidio degli altri e s’intignava a farmi delle proposte.” O la Morante, per gradire: “Per quanto vi intignate a sfrucoliare / arrabattarvi decretare ordinare condannare ammazzare, / il risultato finale è sempre uguale”.

    • mariangela il 20 Marzo 2012 alle 18:24
    • Rispondi

    Mi chiedo: ma intignarsi nell’uso comune non significa intestardirsi? Passo il quesito al Maestro.

    • Beps il 19 Marzo 2012 alle 18:13
    • Rispondi

    Màriasanta… molto evocativo…non so perché ma ricorda certo arredo tribunalizio…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.