Qui trovate i miei racconti più belli. Cioè tutti…

Le carte del Tumiati

Le carte del Tumiati

Il post che tre giorni or sono ho dedicato alla mia scelta di lasciare la carriera di insegnante, Addio, scuola, ha ricevuto parecchi commenti dai lettori. Anche per questo oggi vi regalo un mio racconto ambientato in un classe di Liceo, dove si...

Carlo, Indro e una Voce

Carlo, Indro e una Voce

Carlo Bo moriva il 21 luglio 2001, il giorno seguente toccò a Indro Montanelli. Erano i giorni roventi del G8 di Genova, sono passati giusto vent’anni. Non che seguissi particolarmente Montanelli, fatto sta che la sera del 22 scrissi di...

La cravatta perfetta

La cravatta perfetta

Al suono della sveglia, Gian Antonio Riva indugiò a lungo. Di notte era stato poco bene, aveva avuto un capogiro. Allungò la mano al suo fianco. Vuoto, come sempre. Anni 34, il Riva, fisico discreto, buon impiego: ma ragazze più niente che poco...

Il sorriso ad alta voce

Il sorriso ad alta voce

Ieri ho pubblicato il racconto che apre il mio primo romanzo, «Il sorriso del conte», rievocando anche la premiazione al Premio letterario nazionale di Galbiate. Oggi vi propongo il medesimo testo letto da Gianfranco Scotti, La trama del romanzo...

Il Prologo del mio primo romanzo

Il Prologo del mio primo romanzo

La mia “carriera” di scrittore iniziava nel lontano 2004 con questo racconto, poi divenuto il Prologo de «Il sorriso del conte». Lo mandai al Premio Letterario Nazionale di Galbiate, dove vinse il primo premio. Il presidente di...

Il nome proprio

Il nome proprio

Questo racconto inedito è dedicato alla gente della mia terra, Bergamo. Da noi in paese di Rota ce ne sono così tanti che hanno tutti un soprannome, sennò va a finire che ci si confonde. I Rota Tacc, per dire, neanche i vecchi delle volte sanno...

La giornata di uno scrutatore

La giornata di uno scrutatore

Il 20 giugno 1976 i diciottenni furono ammessi per la prima volta al voto, io ci rientravo per qualche mese. Già che c’ero, mi candidai come scrutatore. Di quel giorno ho un ricordo nitido, un partigiano portato a braccia su una sedia di legno...

Sembra facile!

Sembra facile!

Ve lo ricordate lo spot della moka Bialetti? Ebbene, il summenzionato mi è tornato in mente ieri in città alta. Ero di fretta, come sempre, parcheggio impossibile (idem come sopra) e allora vado dritto al centralissimo parcheggio presidiato da...

12 racconti in 99 copie

12 racconti in 99 copie

Eh sì, per Natale mi sono fatto un regalo, raccogliendo i miei 12 racconti in un volumetto – impaginato con l’aiuto di Barbara, che ringrazio – e tirato in ben 99 copie con l’aiuto di Marco, che ringrazio pure: 12 come i...

Tiro mancino_ritorno

Tiro mancino_ritorno

Ecco la seconda parte del racconto. L’opera è di Gianfranco Ferroni, Autoritratto. Un impedito, un pattamolla ecco cosa sei. L’avevo sgamato che mi stavi dietro, cosa credi?, potevo disegnarti a occhi chiusi. E la giratubi? Ma chi la usa...

Tiro mancino_andata

Tiro mancino_andata

Semplice, mi hanno pagato. Quando promettono di pagarti a lavoro finito al limite ci pensi, ma quando i soldi te li trovi davanti salta fuori il senso del dovere. Certo che il dovere esiste anche in queste cose qui. Anche i farabutti rispettano i...