Domus

L’uomo che rovinava i sabati

L’uomo che rovinava i sabati

Mi occupo di rado di letteratura contemporanea, lo faccio solo quando incontro qualche libro che mi sorprende e convince. È il caso dell’ultimo romanzo di Alan Poloni, che ho recensito per Stendhal, l’inserto culturale (diretto da Mario Schiani) de La Provincia, quotidiano di Como, Lecco e Sondrio. Ecco l’articolo, fatemi sapere che ve ne pare.

La penna è il sismografo del cuore

La penna è il sismografo del cuore

Vedete, solo la narrativa è in grado di fotografare i momenti di passaggio tra due epoche. Lo scrittore vero possiede in dote uno strumento interiore che gli consente di intercettare vibrazioni e cambiamenti attorno a lui. Lo diceva Kafka, mica il primo che passa: «La penna è solo un sismografo del cuore. Si possono registrare

Per i nostri fratelli Tedeschi

Per i nostri fratelli Tedeschi

Tu che appartieni ai celesti che plachi ogni gioia e dolore, che colmi chi è tanto più misero di tanto maggiore sollievo. Sono stanco di trascinarmi! Che valgono piacere e tormento? O dolce pace, vieni, vieni dentro il mio petto! J. W. Goethe, Canto notturno del viandante (Sulle pendici dell’Ettersberg, 12 febbraio 1776). Il Lied

Le carte del Tumiati

Le carte del Tumiati

Il post che tre giorni or sono ho dedicato alla mia scelta di lasciare la carriera di insegnante, Addio, scuola, ha ricevuto parecchi commenti dai lettori. Anche per questo oggi vi regalo un mio racconto ambientato in un classe di Liceo, dove si racconta di un ragazzo così misterioso che…. «Ma neanche per sogno!». Ora,

Il gioco dei fagioli

Il gioco dei fagioli

I miei post più popolari li trovate in fondo alla colonna di sinistra del mio sito, al piede dell’intero blog per chi accede via smartphone. La classifica è relativa ai post pubblicati a partire da maggio di quest’anno, capite bene che un post pubblicato 10 anni fa ha giocoforza più visualizzazioni di uno recente. Anche

Uragani di inizio Novecento

Uragani di inizio Novecento

Il 9 luglio 1913, eccezionalmente in prima pagina – a quel tempo la cronaca locale stava in seconda su quattro pagine complessive – L’Eco dava conto di un tremendo uragano che il giorno prima aveva sconvolto la Provincia di Bergamo. L’uragano viene definito “nuovo”, il che significa che non si trattava di un’eccezione. Evidentemente fenomeni

Addio, scuola

Addio, scuola

In tutti questi anni, molti mi hanno chiesto perché mi sono licenziato da scuola. Ero di ruolo al Liceo Classico Sarpi, due figli piccoli, non avevo alternative di lavoro concrete. E allora: perché licenziarmi? La risposta è in questa intervista del lontano 1998, a metà pagina. Il contesto era drammatico, segnato dal suicidio di un

  • L'uomo che rovinava i sabati
  • La penna è il sismografo del cuore
  • Per i nostri fratelli Tedeschi
  • Le carte del Tumiati
  • Il gioco dei fagioli
  • Uragani di inizio Novecento
  • Addio, scuola
  • Carlo, Indro e una Voce
  • L'indignazione? Mi ha stufato
  • Sette poeti in riva al mare
  • Good news, bad news
  • In ginocchio, suvvia
  • La letteratura la sa lunga
  • Re Carlo, Fantozzi e Buffalo Bill
  • Tutto nuovo!
  • Da Pippo a Popper
  • Pòta
  • Il faggio del Piancone
  • colonna continua
  • La cravatta perfetta
  • La Festa e la sua storia
  • Come ordinare una biblioteca
  • Panchilibro
  • L'occhio di Rafal
  • L'inno della Champions? Händel with care...
  • La chiave a stella, il capolavoro di Primo Levi
  • La libreria di Robin Hood
  • Non è meglio una testa ben fatta?
  • Prova d'autore
  • Qui ci vuol la digitale
  • Bouvard e Pécuchet, due splendidi idioti
  • Felicità senza voce
  • Positivo, aggettivo complicato
  • Leonardo, CV capolavoro
  • Il curriculum da Vinci
  • Quante storie per una remora!
  • Che cosa rende tale un'invenzione
  • Emilio Salgari, la penna spezzata
  • Poesie con titoli
  • Meglio l'inchino
  • La vita di provincia secondo Tommaso Landolfi
  • Il booktrailer del Sorriso
  • La presentazione del dottor Vitali
  • Il sorriso ad alta voce
  • Il Prologo del mio primo romanzo

Se vuoi ricevere informazioni, lascia la tua mail.

Prometto non più di 10 newsletter l’anno, anzi facile che siano pure meno.