Tag: Dante

Dante A Distanza

In occasione della prima ricorrenza dedicata all’Alighieri, mi va di ricordare un episodio alquanto lontano nel tempo. Correva l’anno della mia maturità e una supplente prese il posto del titolare di italiano. Ebbene, a noi non parve all’altezza del ruolo fin dai primi minuti di lezione. Detto, fatto: non senza resistenze da parte di qualche …

Continua a leggere

Permalink link a questo articolo: https://www.claudiocalzana.it/2021/03/dante-a-distanza/

Quel dolce nome

Vien da pensare che non sia la colpa il tema prevalente dell’ultimo romanzo di Mario Schiani, «Quel dolce nome» (Giovane Holden Edizioni). Eppure, entro la cornice di una stanza d’ospedale, veniamo a sapere che il protagonista ha commesso qualcosa di innominabile e tremendo. I sanitari sono sbrigativi, i pazienti lo insultano, per tacer dei giornali, …

Continua a leggere

Permalink link a questo articolo: https://www.claudiocalzana.it/2020/06/quel-dolce-nome/

Nel mezzo del cammin

Da qualche settimana Dante è protagonista su Tv2000: “Nel mezzo del cammin” è una trasmissione in 34 puntate che va in onda il lunedì poco dopo le 21 (sul sito dell’emittente potete vederle in streaming). L’ha pensata e la conduce Franco Nembrini, già insegnante in quel di Trescore Balneario e Calcinate, Bergamo. Ora, a toglier …

Continua a leggere

Permalink link a questo articolo: https://www.claudiocalzana.it/2015/12/nel-mezzo-del-cammin/

Lurco come un tedesco

C’è niente da fare. Quando una parola nasce in un certo modo, anzi in un certo contesto, lì spesso si rassegna a stare. Prendete lurco, che deriva dal latino lurco-lurconis, che sta per ghiottone, ingordo, avido. In Dante lo si trova ipso facto  accostato ai tedeschi, chissà mai perché. «E come là tra li Tedeschi …

Continua a leggere

Permalink link a questo articolo: https://www.claudiocalzana.it/2014/08/lurco-come-un-tedesco/

Dante e il paradosso di Zenone

Da qualche parte, credo nel Paradiso, Dante dice: «Ché saetta previsa vien più lenta», ovvero la freccia, che sai dover arrivare, fa meno male. Forse perché ti prepari, forse perché ti rassegni. Fatto sta che, se il tempo dell’attesa si dilata all’infinito, il tormento magari cresce: sai che il dardo deve colpire, ma ti sfugge …

Continua a leggere

Permalink link a questo articolo: https://www.claudiocalzana.it/2009/03/dante-e-il-paradosso-di-zenone/