Azzica, cioè?

Claudio Calzana, Montelungo barrack and surroundings

Sia Mariangela che il Bepz mi sollecitano a rintracciare origine e significato del termine «azzica». Chiarendo fin da subito che non sono un esperto del ramo, mi diverto giusto a contar storie di parole belle, ecco qualche spunto. Azzica ha a che fare con il verbo azziccare, antico e dialettale, che in primo luogo significa “muovere appena”. Fra’ Giordano ad esempio scrive: «Non azziccheresti pur la mano sanza fede». Il Giambullari sostiene a sua volta: «E certe volte quattro o sei ne pone / in terra con un colpo, e niun s’azzica». In senso figurato il verbo significa adoperarsi, darsi da fare, persino osare. «Dar l’azzica» di cui mi chiede conto Mariangela potrebbe dunque passar da queste parti. D’altronde il sostantivo azzica dovrebbe derivare da actio, movimento, e qui tutto si congiunge e spiega.

Ecco un regalo per i curiosi d’altre mie parole belle.

Permalink link a questo articolo: https://www.claudiocalzana.it/2011/12/azzica-cioe/

10 commenti

Vai al modulo dei commenti

    • Anonymous il 2 Dicembre 2011 alle 18:27
    • Rispondi

    Sono il Bignami dell'azzica… mizzica…
    Beps

    • Claudio Calzana il 2 Dicembre 2011 alle 11:18
    • Rispondi

    La miseria, ragazzi, quanto scienza! Se mai qualcuno dovesse laurearsi in azzica qui c'è tutto quanto gli serve. Ottimo lavoro.

    • mariangela il 1 Dicembre 2011 alle 23:56
    • Rispondi

    L'azzica pare si dica pure di un pesce vivo messo al centro di una rete circolare per attirate altri pesci. Come il richiamo dei cacciatori, che dio (non) li benedica, anzi! http://termoli.myblog.it/archive/2008/07/06/la-pesca.html

    E allora, volendo, torniamo all'actio con cui il MMC ha concluso il suo post. Ti do l'azzica; il la; lo spunto. Ti stuzzico, insomma. Ti faccio muovere provocandoti.

    • Anonymous il 1 Dicembre 2011 alle 23:22
    • Rispondi

    Raccolta on line…
    Dicesi quando il prof ti becca nel giorno in cui non hai studiato una mazza. Termine usato anche per dire di essere stati scoperti mentre si fa qualcosa. es: "devo uscire prima che rientri il prof.. – sì ma attento a non farti azziccare!". Anche usato con il termine di "infilare" qualcosa. Proposta da Nikka, Catania (shark89@virgilio.it).

    In dialetto acquarese significa: Azziccare Spingere all'interno, conficcare

    Grafia esatta: Azziccàre
    Origine: Dal tedesco Zecken (Menare un colpo)

    Adesso basta, non è che posso fare tutto io!!!

    Bepppppppe
    Beppe il navigatore

    • Claudio Calzana il 1 Dicembre 2011 alle 23:09
    • Rispondi

    Non sbagli, Filippo. Mizzica è dialetto siciliano, è un'esclamazione di sorpresa che sta per diamine, caspita. I maliziosi pensano che sia una variante di minchia per non inquietare le fimmine.

    • Anonymous il 1 Dicembre 2011 alle 23:08
    • Rispondi

    Mi viene pero' in mente il piu' noto Mizzica ..che credo sia un aggettivo esclamativo di stupore o sbaglio? ciao, Filippo

    • Claudio Calzana il 1 Dicembre 2011 alle 21:31
    • Rispondi

    @ Ele: non ne ho proprio idea, immagino Italia centrale ma mi rendo conto della vaghezza.
    @ Beps: adoro render felice il mio popolo…..

    • Anonymous il 1 Dicembre 2011 alle 18:23
    • Rispondi

    Ora va meglio…
    Un sollevato Beps

    • Ele il 1 Dicembre 2011 alle 15:04
    • Rispondi

    Mai sentita nominare questa parola. Ma di che parte d'Italia è?

    • mariangela il 1 Dicembre 2011 alle 15:02
    • Rispondi

    Mitico Maestro Claudio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.