Uno alla volta, per carità

Questa libreria è di loom & Sordig: l’idea è quella di dividere i libri uno alla volta con apposita teca, e di lasciar il tutto lì un poco alla rinfusa, con effetto insieme di ordine e di casualità. Mi domando a chi possa piacere, in quanto a libri io sono del partito dell’ordine severo e perfetto. Fin che i libri non prendono il sopravvento, e lo scaffale ti si confonde senza posa.

Permalink link a questo articolo: https://www.claudiocalzana.it/2011/10/uno-alla-volta-per-carita/

4 commenti

Vai al modulo dei commenti

    • Irma il 7 Gennaio 2012 alle 15:31
    • Rispondi

    Certo che somiglia a un calorifero cresciuto troppo. o no?

    • mariangela il 21 Ottobre 2011 alle 10:17
    • Rispondi

    Della serie: "Barcollo ma non mollo" ecco la prima delle due librerie che, per ora, ho trovato (la seconda, di Marco Ferreri per Morelato non riesco a recuperarla sul web):

    http://www.pirwi.com/?p=349

    Ciao,

    • Claudio Calzana il 19 Ottobre 2011 alle 21:03
    • Rispondi

    Certo, molto meglio. Anche se mi immagino che talvolta l'ultimo arrivato crei qualche piccola gelosia tra gli altri tomi. Ma la cosa dura fino all'arrivo del libro successivo.

    • mariangela il 19 Ottobre 2011 alle 15:33
    • Rispondi

    Poveretti, credo che soffrano di claustrofobia così sistemati. Vuoi mettere la comunella, la contaminazione reciproca e lo: "Dai, stringiamoci, è arrivato uno nuovo!"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.