L’orologio muto

Si chiama Mutewatch ed il motivo è chiaro a prima vista. Questo orologio si attiva solo se lo sfiori con un dito. Altrimenti se ne sta muto sulle sue, d’altronde perché indicare l’ora se la faccenda non interessa a nessuno? Ma basta una rapida passata sul quadrante e il gioco è fatto: ora esatta, allarme, cronometro, sveglia e compagnia bella, qui lo potete vedere in azione.
Nella mia perfidia, mi immagino qualcuno che si sveglia nel cuore della notte: intontito dal sonnno sfiora l’oggetto senza riuscire a far scattare l’ora, di notte ci sono operazioni non proprio semplici da combinare. E a quel punto per la rabbia capace che prende a sassate il l’orologio, che peraltro costa ben 199 euro.

Permalink link a questo articolo: https://www.claudiocalzana.it/2011/10/lorologio-muto/

2 commenti

    • Claudio Calzana il 16 Ottobre 2011 alle 09:11
    • Rispondi

    Quel che accade temo che non piaccia a nessuno. Magari nemmeno a chi detiene le leve. E un orologio, in quanto strumento e per quanto muto, non può diventare vindice del nostro disagio. Magari ne è simbolo, diciamo pure cifra. Ma non può certo trasformare in statue coloro che, temo, già lo sono.

    • mariangela il 15 Ottobre 2011 alle 20:57
    • Rispondi

    Hanno messo a ferro e fuoco la mia città. Maroni non si dimetterà come dovrebbe e come succederebbe in un paese civile. Alemanno dice che si sapeva che sarebbero arrivati i black block, ma non si scusa per la sua inettitudine e per l'indifferenza (strumentale?) della politica.

    Che c'entra questo commento con l'orologio muto? Perché così dovrebbe essere, il tempo. Muto, appunto. Ciò che vedo proprio non mi piace. E trasformare in statue di sale tutti i politici sarebbe un sogno. Saprà farlo, l'orologio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.