La conquista della Quinta C

L’interno di una classe nei primi anni Cinquanta –  (Archivio Giordano Minora)

Ecco la storia, la faccio più breve che posso. Alle elementari il mio maestro, Giacomo Panseri, per tenerci a bada prometteva di leggerci a fine mattina una storia. Tra le tante, due non le ho più scordate: quella di un giovane spazzacamino che ne passa di tutti i colori e quella di un maestro che si trova a esordire in una classe a dir poco complicata. Un paio di settimane fa ho forzato la mia memoria, arrivando a un libro di Giovanni Mosca, “Ricordi di scuola”, che per l’appunto contiene quella magica storia, “La conquista della Quinta C”. Mi accingevo per l’appunto a pubblicarla – ne ho trovato un frammento in Internet – quando Paolo Cova da Monza, manco fossimo sintonizzati, mi manda questa mail:

Ciao Claudio. Rileggendo la rievocazione – tenerissima – del tuo primo giorno da insegnante mi è venuta in mente quella pagina di Giovanni Mosca (credo di ricordare che l’episodio si intitolasse “La conquista della quinta C” in “Ricordi di scuola”) in cui un giovanissimo maestrino conquista una classe di belve travestite da scolari grazie alla sua abilità nell’uso della fionda… Sarebbe bello riproporre quella pagina nel tuo sito, non trovi?
ciao ciao
Paolo Cova

Incredibile coincidenza davvero. Nel ringraziare Paolo, ecco il magico racconto di Giovanni Mosca

E siccome Paolo fa riferimento al mio picaresco primo giorno da insegnante, ecco qua il racconto completo, con un’avvertenza: è tutto vero!

Permalink link a questo articolo: https://www.claudiocalzana.it/2009/11/la-conquista-della-quinta-c/

2 commenti

    • Anonimo il 14 Ottobre 2019 alle 17:37
    • Rispondi

    Bello

    • Daniel Florea il 10 Aprile 2013 alle 13:08
    • Rispondi

    ok

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.