Prosciutto crudo?

Quando ero piccolo, gli affettati in casa erano il prosciutto cotto, il salame (soprattutto) e la pancetta. Del crudo non sospettavo l’esistenza fino a quando, un certo giorno – non ero piccolo, nemmeno grande, ero in un’età priva di categoria certa – si va fuori a mangiare. Arriva il menu e leggo, con sorpresa, prosciutto crudo. Come, crudo? Mai sentito, mai assaggiato. Lo chiedo e i miei mi guardano malissimo: “Veniamo al ristorante e tu ordini un affettato?”. Ho capito, ma per me era una novità assoluta. Morale, tengo duro, crudo e basta. Arriva il piatto e comincio a mangiare. Sennonché andò che, tra curiosità e fame, mi son fatto un boccone troppo grosso, poi il crudo di sa che ha dei maledetti filetti di grasso che non riesci a mandarli giù: risultato, un bolo in bocca fuori portata. Dovendo pur far finta di mangiare, ero osservato speciale, ogni tanto mettevo in bocca una nuova fetta, peggiorando la situazione. A un certo punto, l’inevitabile: lo sputo del megaboccone, di nascosto, ma cosa vuoi, vengo beccato al volo. E qui comincia la ramanzina: “Ma bravo, ordini il crudo e poi lo sputi, noi a casa non lo compriamo perché costa troppo, tu invece guarda qui che schifo, che vergogna…”.
A un certo punto il prosciutto crudo è comparso anche in casa, ma tempo dopo, come minimo ero alle medie. Ricordo che se ne comprava mezzo etto alla volta, per dire il lusso, di più magari a Natale.

1 Commento

  • anna Posted 4 Luglio 2009 21:05

    Io me ne ricordo poche di "prime volte" e forse non degne di nota ma una in particolare mi ha segnata: la mia prima macchina.
    Era una seicento bianca di quelle con il motore dietro al posto di quello che è oggi è il bagagliaio. Avevo due anni, stavo sulle gambe del mio papà che la accendeva nel cortile di casa e mi faceva girare il volante.
    Devo dire che già da allora si notava la scarsa attitudine al mezzo..
    un abbraccio
    Anna

Aggiungi Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *