Libri a bolla

Una delle più noiose caratteristiche dei libri sta nel fatto che non sono tutti uguali. Di dimensioni, intendo. Per cui sullo scaffale è tutto un saliscendi che magari turba un poco l’orizzonte. Il designer Daniel Eatock si è messo d’impegno per risolvere la questione ed ecco il risultato: una libreria pensata apposta per pareggiare i volumi. L’idea è davvero geniale, se non fosse che poi mi sono visto impegnato a fare le prove tra libri di diverse misure. Di sicuro non deve essere facile scegliere i volumi in modo che l’allineamento sia perfetto. Mi sa che in questo caso andrebbe a finire che, invece del consueto scarto, tra un libro e l’altro si rischia quel paio di millimentri che vanifica la fatica, per non dire l’acquisto della libreria.

Permalink link a questo articolo: https://www.claudiocalzana.it/2011/11/libri-a-bolla/

10 commenti

Vai al modulo dei commenti

    • Ettore il 9 Gennaio 2012 alle 13:09
    • Rispondi

    Invece è bello che i libri siano tutti diversi: formati, copertine, colori… Un trinfo delle differenze, ci mancherebbe altro ridurli tutti uguali. Sarebe come bruciarli tipo farenheit.

      • ccalz il 9 Gennaio 2012 alle 13:15
      • Rispondi

      E’ così, Ettore, certo, meglio che i libri siano tutti diversi. Fuori e dentro, diciamo. Ma quando devo fare ordine sugli scaffali mi prende un certo non so che …

    • Claudio Calzana il 30 Novembre 2011 alle 13:54
    • Rispondi

    Via una "r" e miracolo compiuto!

    • Anonymous il 28 Novembre 2011 alle 16:44
    • Rispondi

    Ormai ho deciso il mio motto è: TANTO L'E' STESS… prima invece era L'E TANTO LO STRESS… vuoi mettere?!?!??!
    AH AH
    Lo Beps

    • Claudio Calzana il 28 Novembre 2011 alle 14:54
    • Rispondi

    'sta idea è propria dei maniaci malati di geometrismo come me, mentre la b(ibl)iodiversità (bellissimo conio, complimenti) è appannaggio delle persone libere e felici come te, Bepz. Insomma, dei bei tomi che gli piace l'ordine come il disordine, che tanto l'è stess. Dipende sempre e solo dal punto di vista, of course.

    • Anonymous il 28 Novembre 2011 alle 11:24
    • Rispondi

    Scusate se mi intrometto… a me 'sta idea che i libri devono apparire tutti alti uguali mica mi convince, anzi!
    Pure tra i libri c'è lo spilungone magrettino, il bassettino grassoccio, il grande e grosso (bel tomo!) ecc… evviva la b(ibli)odiversità!
    Beps

    • Claudio Calzana il 28 Novembre 2011 alle 10:01
    • Rispondi

    Ma diamogli il beneficio del dubbio. Diciamo che è un'opera d'arte, libri su misura per libreria ad arco.

    • mariangela il 27 Novembre 2011 alle 21:23
    • Rispondi

    Un artefatto artefatto, insomma. "Ah, signora mia, Francia o Spagna…"

    • Claudio Calzana il 26 Novembre 2011 alle 23:44
    • Rispondi

    Hai ragione da vendere, Mariangela. Scartabellando per la rete ho scoperto che il maramaldo architetto designer si è costruito dei libri su misura per far fare bella figura al suo artefatto. Mi (ci) pareva….

    • mariangela il 25 Novembre 2011 alle 19:28
    • Rispondi

    Secondo me l'architetto ha dato una piallata ai libri. Oppure, ha dalla sua un fattore "C" grande come una casa…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.