Ancora fermalibri


Non è che ci ho preso gusto, ma in rete ci sono una valanga di fermalibri uno più curioso dell’altro. Eccovene due al prezzo di uno: per libri pericolosi il primo, chi non ne ha? E l’altro per libri animati, fiabeschi, paradossali.

Permalink link a questo articolo: https://www.claudiocalzana.it/2011/08/ancora-fermalibri/

5 commenti

Vai al modulo dei commenti

    • Anonymous il 9 Agosto 2011 alle 15:24
    • Rispondi

    Arrivo come sempre con ritardo… Mariangela: complimenti per i tuoi pesci rossi, una longevità da record, e dimensioni notevoli, direi! Visto che "li tiri su" sin da piccoli e li educhi pure alle buone maniere, più che animali da branco mi sembrano "compagni di branco"! Mamma mia… siamo alla soglia dei 35, perdonatemi!!! Gradi… 35 gradi…
    Bepis

    • mariangela il 8 Agosto 2011 alle 18:49
    • Rispondi

    Ottimo il ferma-libri-pericolosi. Nel riordino post-ritinteggiatura pareti, ho combattuto con la voglia di buttarne due. Ma me li ha regalati un caro amico e, dunque, non l'ho fatto. Sono entrambi di Bevilacqua e "La donna delle meraviglie" mi era stato regalato proprio per il titolo, dunque dovrei esserne lusingata, ma… ma Bevilacqua proprio non lo sopporto.

    Ora so come fermarli… Iehehehè! :/

    • Anonymous il 8 Agosto 2011 alle 17:28
    • Rispondi

    Gli omini… io ho gli omini… uno punta i piedi sul muro e sorregge i libri con le spalle! L'altro poggia i talloni sul muro e sorregge i libri con le due braccia protese in avanti!!!

    Gli omini…

    Beppe

    • Claudio Calzana il 8 Agosto 2011 alle 17:22
    • Rispondi

    Di fronte a tanto sapere, Mariangela, mi ritiro in buon ordine: niente segnalibro con i pesci rossi, abolito.

    • mariangela il 8 Agosto 2011 alle 17:09
    • Rispondi

    Il fermalibri col pesce rosso l'avevo trovato anch'io ed era, di primo acchitto, piaciuto pure a me. Poi, ho scoperto che il pesciolino non è finto. E allora, no, eh…

    Perché, dovete sapere, che i pesci rossi abbisognano di 10-20 litri d'acqua ciascuno e che le bocce sono assolutamente deleterie per la loro salute. L'acqua deve essere filtrata e nel cambio è necessario mantenere sempre la medesima temperatura. Cosa comporta tutto ciò? Beh, per esempio che io ho un pesce rosso di oltre 15 anni (l'altro, di quasi 20 anni, è morto pochi mesi fa), lungo più o meno 25 centimetri. Quando l'ho preso era lungo non più di due o tre.

    Insomma, creature da accudire e che è anche possibile curare, quando si ammalano. Io l'ho fatto più volte con successo. Il mio bel pescione viene a prendere da mangiare dalle mie dita e scoda spruzzando l'acqua, quando gli dò il mangime. Ora, ha tre amici ancora piccoli con lui, perché soffriva di solitidine dopo la morte del compagno di sempre (sono animali da branco). Di uno dei tre (tutto nero) si è addirittura innamorato: nuotano sempre fianco a fianco… :-)))

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.