Ciofeca

Sono tante le parole che si usano senza pensarci troppo. Prendete “ciofeca”, espressione del sud Italia che sta per schifezza, roba immangiabile o imbevibile. Ma ciofeca sta anche per qualcosa che è venuto male, anche per un soggetto non proprio bello, un film, per dire, e via esportando. Senonché, come spesso accade, alla domanda “da che deriva sta ciofeca?” facile che gli interlocutori ci fissino con lo sguardo a mezzo tra “Non hai di meglio da fare?” e “Proprio a me lo devi chiedere?”. Io alla faccenda mi ci sono appassionato, come spesso mi accade per le cose inutili. Innanzitutto ciofeca è parola prediletta da Totò, a proposito del caffè, e da Gattuso, a proposito dei suoi tiri sbilenchi. E qui già siamo nel Parnaso, per dire. Ma quando se si vuol scavare si incontra dapprima il carciofo: qualcuno sostiene, magari pure a ragione, che facendo bollire le parti dure del carciofo si ottiene una soluzione amara e per l’appunto schifosa, e da carciofo a ciofeca alla fin fine ci siamo. Ma forse la storia non è così facile: in arabo “safaq” è una bevanda di bassa lega, scadente. Dalla presenza araba pare che il termine si sia diffuso nel Mezzogiorno, fino all’attuale ciofeca. Una storia davvero interessante, a riprova che le contaminazioni della lingua sono cosa bella e giusta.

 

Permalink link a questo articolo: https://www.claudiocalzana.it/2011/06/ciofeca/

4 commenti

Vai al modulo dei commenti

    • Claudio Calzana il 18 Giugno 2011 alle 14:58
    • Rispondi

    Eh, questa domanda merita un post appost. Appuntamento a settimana prossima.

    • mariangela il 17 Giugno 2011 alle 19:30
    • Rispondi

    Aaambranatooo! (diretto a chi guida a 20 all'ora in superstrada, abbarbicato al volante)

    "Imbranato": impacciato nell'agire e nell'esprimersi; maldestro

    Da cosa deriva? 🙂

    • Claudio Calzana il 17 Giugno 2011 alle 19:04
    • Rispondi

    Anvediquesta!

    • mariangela il 17 Giugno 2011 alle 18:09
    • Rispondi

    …ma quanto mi piace la parola ciofeca! Da romana, è una delle mie espressioni preferite. Le altre? Maddeché? Aridaje! Aaambé! Non-me-ne-po-frega'-de-meno! Ma che c'ho scritto cotica? (indicando la fronte) (segue)

    Grazie Claudio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.