Il mio primo album e il Tamagotchi

Sono andato a cercarlo sul sito della Panini. Sto parlando del mio primo album di figurine, l’ho riconosciuto al volo: trattasi della Collezioni Calciatori 1962-63, 48 pagine, al tempo costava la bellezza di 30 lire. Un pacchetto veniva 10 lire e conteneva tre figurine. Quell’anno lo scudetto lo vinse l’Inter, con l’Atalanta piazzata mica male, decima per la precisione. Insomma, le figurine per noi maschietti si portano dietro un infinito mondo di ricordi e suggestioni. Proprio vero che ci basta poco, in fondo. Mi domando quale oggetto o gioco farà lo stesso effetto ai giovani di oggi tra trenta o quarant’anni.

Magari ai miei figli scatterà una lacrima sul viso per un Nintendo o per un iPod raccattati su qualche bancarella, anch’essa rigorosamente virtuale. Ho la certezza che non capiterà niente del genere per prodotti cartacei, perché per molti ragazzi di oggi la carta non funziona, non trasmette, non appassiona. Purtroppo, aggiungo. Ma ogni epoca ha i suoi feticci, inutile opporsi al flusso: a fare i passatisti non si va da nessuna parte. E allora sorrido pensando a un ragazzo che fra tanti anni si commuoverà per aver trovato un Tamagotchi miracolosamente ancora “vivo”, o la primissima release di Angry Birds.
 

Permalink link a questo articolo: https://www.claudiocalzana.it/2011/02/il-mio-primo-album-e-il-tamagotchi/

5 commenti

Vai al modulo dei commenti

    • Claudio Calzana il 1 Maggio 2011 alle 18:01
    • Rispondi

    Giorgy, sui Tamagochi non sono proprio preparato. Li ho vissuti per così dire di riflesso, in quanto i figli al tempo ne facevano un uso, sia pur modico.

    • Anonymous il 1 Maggio 2011 alle 14:38
    • Rispondi

    i tamagotchi d oro dove si trovano da giorgy 2000

    • Anonymous il 1 Maggio 2011 alle 14:37
    • Rispondi

    ma vorrei sapere dove si trovano i tamagotchi giorgy2000

    • Claudio Calzana il 2 Febbraio 2011 alle 14:58
    • Rispondi

    Oggi viviamo in un modo tutta immagine e le immagini non si conservano più. A quanto pare i supporti digitali sono molto meno resistenti delle vecchie foto, tra un po' qui si cancella tutto e noi torneremo nella notte dei tempi… Brrrrr

    • Leandro il 2 Febbraio 2011 alle 14:56
    • Rispondi

    A proposito di carta: l'altro giorno ho ritrovato le foto delle elementari. commoventi!
    soprattutto considerando che ho avuto la fortuna di trovarle intatte, anche se in cassetti polverosi. fortuna rara… i bambini di oggi, futuri trentenni, per rivedere le stesse foto dovranno fare i conti con il backup digitale di un pc ormai in disuso.. buona fortuna ragazzi!
    Leandro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.