eBook, i dati

 

L’Associazione Italiana Editori ha pubblicato dei dati piuttosto interessanti sulla crescita del mercato eBook in Italia. Ad esempio, se i titoli disponibili nel 2009 erano 1.619, oggi sono ben 18.816. Certo, il mercato ancora stenta a decollare, però in un anno è raddoppiato: il fatturato dei libri venduti in questo nuovo formato è passato da 1 milione e mezzo di euro a 3 milioni, sempre dal 2009. Gli editori italiani che hanno aperto a questo nuovo mercato sono ben 342, e in Italia chi legge libri nel nuovo formato è pari all’1,3% della popolazione. Per essere un bambino appena nato, l’eBook pare avere già dei bei dentini. Ecco le recensioni dei migliori eBook reader sul mercato.

Permalink link a questo articolo: https://www.claudiocalzana.it/2011/12/3878/

4 commenti

Vai al modulo dei commenti

    • Mariangela il 6 Gennaio 2012 alle 14:53
    • Rispondi

    Andrebbe a finire che leggerei le prime pagine su un Ipad e, poi, se il libro mi piace… me l’andrei subito a comprare!

    Però, niente non sarebbe. Ché a me buttare quelli che non mi piacciono mi scoccia pure, e va sempre a finire che pietosamente li conservo…

    • Beps il 6 Gennaio 2012 alle 14:52
    • Rispondi

    Cara Mariangela, romantica e nostalgica, in parte la vedo come te… però poi penso all’uso delle mails in vece di lettere o fax e mi dico che, in fondo, il progresso non fa altro che sosituire i contenitori… sta a noi non svuotarli di contenuto…
    Beps

    • ccalz il 6 Gennaio 2012 alle 14:52
    • Rispondi

    Belle parole, ma quando ti trovi con 6mila libri e non sai più dove metterli come fai? Non è che possiamo cominciare a considerare l’idea che qualche libro possa essere anche digitale? O no?

    • Mariangela il 6 Gennaio 2012 alle 14:52
    • Rispondi

    No, no, no… continuo a volere l’odore, la polvere sui polpastrelli se l’ho trascurato, il colore della costa che me lo fa scovare tra tanti, la cartolina – oh, guarda, era qui – del grande amore a pagina 177 (però, sapeva fingere bene, lo stronzo!), la suggestione del basta che lo prendo in mano e mi ricordo che c’è scritto, l’ansia dell’incipit che decide il suo destino: lo bevo o lo abbandono.

    No, no, no… io voglio il libro di carta!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.