Bookie

Si chiama Bookie, ed è ovvio il motivo. E’ un prodotto della Isokon, casa inglese molto nota e dal glorioso passato. Bookie sviluppa un simile progetto Isokon che nel lontano 1939 piegava il legno, cosa che Alvar Aalto fece diventare la norma. Bookie costa la bellezza di 590 sterline, ma ci sta pure l’iPad nella fessura, volendo.

Permalink link a questo articolo: https://www.claudiocalzana.it/2010/12/bookie/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.