«

»

Dic 19 2016

Di pota in pòta

rocher-auguri-made-in-bergamopota-le-dor-col-duomo_679086f8-c440-11e6-8869-c42e7135d974_998_397_big_story_detail A dare il via è stato Italo, inteso come treno: una bella campagna di promozione con tanto di pota. A ruota, è il caso di dirlo, è la volta di Ferrero, che condisce il suo Rocher con l’espressione più in voga in terra bergamasca. Senonché nel farci gli auguri, i subalpini – ma anche gli italici se è solo per quello – si dimenticano per strada un accento, grave tra l’altro. Sì perché il nostro pòta si scrive così, non come da manifesto qui allegato. E’ un errore veniale, certo, mica staremo qui a remenarla per così poco, però non è che i Roscero Ferrè possono venire a casa nostra e far finta che parlano la nostra lingua. Avete presente Gargamella? Quando entrava nel loro villaggio, i puffi lo riconoscevano non perché fosse evidentemente diverso da loro, no: lo riconoscevano perché non sapeva puffare, cioè usare la loro lingua. Insomma, ‘sti qui dei cioccolatini, ma anche quelli di Italo, pòta, a puffare non sono mica buoni. Puffate, gente, puffate…
 

Permalink link a questo articolo: http://www.claudiocalzana.it/2016/12/di-pota-in-pota/

1 comment

  1. claudio calzana

    Gentile Simone, fin lì non mi volevo spingere per carità di patria e spirito natalizio. Ma è indubbio e acclarato che pòta sta per “le parti vergognose delle femmine”, come scriveva un insigne studioso locale in vena di perifrasi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>