«

»

Mar 04 2010

Dei delitti e delle pene

Visto il successo dei post dedicati ai tormenti che comminavo ai miei alunni, ho pensato bene di stendere un piccolo regesto dei delitti e delle pene. Il tutto per far capire che uno straccio di metodo c’era nella mia follia, e ci mancherebbe altro. Di certo, l’elenco è incompleto, e dunque merita il contributo di tutti per addivenire, finalmente, a un vero e proprio trattato, sul modello di quanto realizzato dal geniale Beccaria.
I principali motivi per i quali il docente che era in me ai tempi procedeva alla punizione erano sostanzialmente quattro:
1. Il ritardo, in special modo laddove sistematico
2. La distrazione, in special modo come sopra
3. La absentia verbi durante le interrogazioni
4. Atteggiamenti poco consoni o decisamente poco urbani
Le punizioni erano molto varie, dipendevano dall’umore del momento, dal clima e dal grado di dolo.
Ecco un primo elenco di tormenti, realizzato con il contributo determinante di alcuni ex alunni. Le pene sono proposte in ordine sparso e non di tormento.
1. Le relazioni orali: parlami della terrazza e della vista che se ne gode (stante il primaverile tepore), dei corridoi, del preclaro filosofo san Pellegrino e l’opera sua principale, “La magnesia”.
2. Canto di motivo della tradizione popolare con annessa nota su registro laddove il soggetto si rifiuti di intonare la desiata strofa.
3. Ballo su cattedra: macarena, flamenco, ragazze in forma di veline varie
4. Défilé di moda con tanto di sfilata per la classe
5. L’incastellamento: domanda tormentone per 3 anni filati di liceo
6. Lo scappellotto sincronizzato (a due alunni/e per volta)
7. La pubblica lettura del diario
8. Pulizia di fino di arredo scolastico precedentemente offeso
9. La presa in giro sistematica e ossessiva dello scombinato discente, ma su questo comma mi riservo di tornare con dovizia di particolari.

 

Permalink link a questo articolo: http://www.claudiocalzana.it/2010/03/dei-delitti-e-delle-pene/

5 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. Claudio Calzana

    Era la domanda di storia che per tre anni di liceo ho rivolto a un alunno che, per tre anni filati, nulla o quasi ha saputo rispondere. Più o meno la domanda suonava così: "Che cosa era e che cosa ha comportato il fenomeno dell'incastellamento nell'alto medioevo?". Non sarebbe male se il soggetto in questione avesse il coraggio di raccontare la vicenda in tutte le sue sfaccettature.

  2. Anonymous

    Cosa significa "incastellamento"?

  3. Claudio Calzana

    Sei troppo giovane, Anna, qui stiamo parlando di prima del concilio di Trento.

  4. Anna Desidò

    Sarò pazza, sconsiderata o masochista ma io avrei pagato per esserci stata… =)

  5. Beppe

    Favoloso… Dei delitti e delle pene però sprizzava modernità da ogni parola… qui, insomma, ci vedo dell'inquisizione…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>