Ilaria che dice…

Ilaria, mia ex alunna ora a Treviso, racconta la sua libreria ideale, e io, come promesso, pubblico e ringrazio. [ccalz]

Innanzitutto i complimenti e un in bocca al lupo per questa nuova avventura! Sono certa che, dopo il trauma dell’inizio, le soddisfazioni saranno di gran lunga superiori alle grane! Il mio parere non conta molto, ma ci tengo a darlo lo stesso: a me piacciono molto le librerie piccoline, familiari, dove i commessi ti conoscono, puoi chiedergli un consiglio, puoi fermarti lì un po’ in cerca del titolo giusto…. Inoltre a me piacciono molto le contaminazioni: adoro i bar che hanno libri a disposizione di chi vuole bersi un caffè leggendo o addirittura fare uno scambio di libri (il top dei top il Cafè des libros a Malaga… eccezionale per l’atmosfera) e – viceversa – mi piacciono molto le librerie dove si può sorseggiare qualcosa, che organizzano eventi, presentazioni, aperitivi ma – ovviamente – a Treviso sono merce rara… Inoltre consiglio di sviluppare la parte di libreria dedicata ai bimbi: ai miei ad esempio piace un sacco andarci, vedere i libri che ci sono (in una qui a Treviso c’è anche un piccolo tavolino per i bimbi con qualche libretto da consultare, giochini e pennarelli a disposizione) e alla fine mamma Ila. che è sempre favorevole all’acquisto di libri piuttosto che di giocattoli, ogni volta compra loro qualcosa!
 

Permalink link a questo articolo: https://www.claudiocalzana.it/2012/09/ilaria-che-dice/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.