Orizzonte

Lucio Fontana

«All’orizzonte si prende presto l’abitudine. Per qualcuno si tratta solo di vapore, o di umori sfuggiti da campi lontani. Per dirla senza ritegno: una sorta di traspirazione che non può opporre la minima consistenza. Perciò, non si bada al nastro incerto che taglia in due lo sfondo; ovvero, gli si fa credito di un’occhiata distratta, essendo intanto intenzionati a cose più vicine e concrete. Quella tenue sfumatura, dietro innumeri oggetti scabri e taglienti, ha secato lo spazio e ci ha consegnati al tempo. Ma non è una presenza stabile: potrebbe in via d’ipotesi farsi ingoiare dalla distanza, ci vuol niente. Tanto che l’orizzonte non ha davvero complessione robusta come la linea dei monti, né come questi s’incunea di netto; esso è collegato esilmente con gli occhi di qui: per un batter di ciglia gli accade di venir meno, e disfarsi».

Marco Valerio Borghesi, La questione dell’orizzonte, Bollati Boringhieri

Permalink link a questo articolo: https://www.claudiocalzana.it/2012/03/orizzonte/

2 commenti

  1. Non solo che splendida prosa ma anche che profondità di contenuto. Da filosofo, appunto.

    • Carlo il 12 Marzo 2012 alle 21:02
    • Rispondi

    Che prosa, accidenti! Un maestro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.