I Rotas

Questo post non ha a che fare con la mia attività di scrittore, ma in qualche modo c’entra lo stesso. Si tratta di 8 minispot che ho realizzato nell’ambito del mio lavoro maior, quello di Responsabile della Comunicazione del Gruppo Sesaab. Sono 8 brevi puntate di una sitcom che ho voluto chiamare “I Rotas”, dal nome della famiglia bergamasca coinvolta in particolari situazioni che vedono protagonista L’Eco di Bergamo. Per la sceneggiatura ho lavorato -e a lungo- con Beppe Manzi, regista dei flmati. Al montaggio Teo Bini. Mi sembra un gran bel lavoro, divertente e felice. Buona visione.

Permalink link a questo articolo: https://www.claudiocalzana.it/2008/12/i-rotas/

5 commenti

Vai al modulo dei commenti

    • Claudio Calzana il 28 Marzo 2009 alle 19:23
    • Rispondi

    In questo momento i Rotas non vanno in onda, li puoi vedere su Youtube. http://www.youtube.com/user/famigliarotas?gl=IT&hl=it
    [ccalz]

    • Anonymous il 28 Marzo 2009 alle 17:52
    • Rispondi

    ma a che ora è sù??

    • Claudio Calzana il 8 Gennaio 2009 alle 23:42
    • Rispondi

    Antonello, a me invece i Rotas piacciono proprio parecchio. [ccalz]

    • Antonello il 8 Gennaio 2009 alle 19:25
    • Rispondi

    mi sembra una cosa abbastanza pietosa…
    non vorrei essere troppo severo ma:
    1. Il logo sembra quello di un detersivo (vd. dixan o dash, ma è proprio la scelta dei colori e della forma ad essere esemplare di detersivi, saponi, pastiglie per lavastoviglie ecc…)
    2. Rotas non è per nulla un cognome bergamasco. Se non si voleva usare un cognome esistente in vece di cognome esemplare, si poteva inventare un patronimico ironico e credibile.
    3. Intitolare una serie di spot come se si trattasse di una mini serie di sitcom lo trovo triste e disonesto.
    4. Tranne che in un paio di sketch la presenza de L’Eco è molto forzata e in nessuno degli episodi si fa riferimento alle caratteristiche peculiari de L’Eco: ciascun episodio si potrebbe adattare perfettamente a qualsiasi giornale!!!
    5. Le risate finte fanno piangere.
    6. Il susseguirsi degli stacchetti, a volte abusati, denuncia tutti i limiti della scelta della camera fissa e del casting.

    • Anna Desidò il 24 Dicembre 2008 alle 17:59
    • Rispondi

    Sera Prof!
    Ho visto un pezzetto della puntata di ieri con il Pavan! Come sempre egregia la presenza del conduttore e di lei medesimo (!!!).
    Un unico appunto dalla spettatrice infame: mi sembra che i due sopra citati si siano un “filo” abbandonati alla celebrazione ossequiosa -a mio parere immeritata- del terzo ospite, che lei sa io non amo particolarmente. Come tutti quelli della stessa risma. E’ solo un’impressioni ovviamente, ma talmente vivida che mi ha costretto a cambiar canale.
    A Natale si dovrebbe essere tutti più buoni, lo so, ma il Grinch in confronto a me è Madre Teresa. =D
    Con profondo affetto
    Anna Desidò

    ps: i Rota’s sono magnifici!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.