«

»

Mar 24 2011

In anticipo, ovvero the end


[Blazer, 10]
Ecco qua, la storia del Sean Blazer sarebbe anche finita se non fosse che, per definizione, ci sono storie aperte, e questa è una di quelle. Come dice il Leo, potevamo diventare famosissimi come Fruttero e Lucentini, ma Belotti & Calzana non suona così bene, per cui meglio lasciar stare. Ovvero, è stato certo un bene appalesarsi dietro uno pseudonimo come Sean Blazer, precorrendo i tempi, come Luther Blisset o Wu Ming. Leo, sai chi mi viene in mente? Wittgenstein, niente meno, che da qualche parte scrive: “Chi si limita ad anticipare il proprio tempo, ne verrà superato”. Mi sa che a noi è andata così, che ci vuoi fare, la storia ci ha asfaltato che neanche uno schiacciasassi. La prossima volta ci organizziamo meglio e ce la prendiamo comoda. Chiudo questa saga ringraziando il Beps Candiago che mi ha fatto conoscere Ben Heine, l’illustratore che suo malgrado ha affrescato questa bella rievocazione. [the end (per ora)]

 

Permalink link a questo articolo: http://www.claudiocalzana.it/2011/03/5031/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>