Angela

Quando uno ha fatto il professore, non smette mai di esserlo. Aggiungo: soprattutto se lo ha fatto bene, o quanto meno ci ha provato. E così capita che quando qualche ex alunno si fa vivo cominci sempre con il Prof, anche se nel frattempo le cose sono cambiate parecchio. Le parole di Angela mi inorgogliscono, per tacere del finale, commovente per quel richiamo al nonno e al suo sorriso. Grazie Angela, un bacio. [ccalz]

Buongiorno Prof.
Ho appena finito di divorare il suo libro e devo dire che sono colpita.
Ho letto che vedono nel suo stile qualcosa di manzoniano. Anche io leggendola ho avuto questa impressione…una sottile ironia molto moderna ed accattivante.
Un libro che parla di passato in una lingua per così dire “mista” che dal passato scorre fluida verso il presente.
Lei riesce a mettere d’accordo la nuova generazione, per natura curiosa del passato anche sessuale degli avi, e la vecchia generazione che, strizzando l’occhio, pensa maliziosamente a ciò che fu…
In breve, mi piace.
Desidero una dedica sulla mia copia.
Spero di vederla presto.
Un abbraccio ed un enorme in bocca al lupo,
Angela Laurino
PS. Avevo un nonno che si chiamava Angelo ed è morto sorridendo… ora forse so il perché!

Permalink link a questo articolo: https://www.claudiocalzana.it/2008/09/angela/

1 commento

    • Anna Desidò il 26 Settembre 2008 alle 14:55
    • Rispondi

    “C’è posta per te” sul mio blog, ovvero un premio..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.