«

»

Apr 08 2011

Falso ma vero

Mariangela Paradisi, economista marchigiana, sul Corriere Adriatico del 3 aprile ha pubblicato uno splendido articolo sul tema delle griffe e dei relativi falsi. Un tema che si sposa assai bene con quanto discusso sul mio blog a proposito della vicenda Sean Blazer, ovvero il libro di Leone Belotti sui “mercanti di moda” che uscì 14 anni fa, e di cui ho parlato diffusamente qui. Con il permesso dell’Autrice vi propongo le argomentazioni di Mariangela, molto lucide e documentate, sulle quali mi piacerebbe sentire il parere di Blazer, per capire come la vede lui a tanti anni di distanza. [ccalz]

Che bello, è falso, ma sembra vero! Un orologio, una borsa, un capo d’abbigliamento, un paio di scarpe, un cappellino, un paio di occhiali, il Cd dell’ultimo concerto rock, un profumo, una cintura, un portafoglio. Che bello, è falso, ma sembra vero! Un “sembra vero” che gratifica chi desidera possedere oggetti che non può permettersi o il cui prezzo dell’originale, ragionandoci un po’ su, sembra assurdo pagare con la propria carta di credito. Con la carta gentilmente messa a disposizione dal partner di turno è tutto un altro discorso: in questo caso l’originale è d’obbligo, e il “sembra vero” riguarda, semmai, il partner galante.

Trecento euro di multa per chi è sorpreso ad acquistare prodotti “tarocchi”, eppure l’abitudine non si perde. Nel 2007, l’Ocse valutava attorno al 7-9 per cento la quota di vendite di merci contraffatte sull’intero commercio mondiale. Più o meno 200 miliardi di dollari i soli prodotti contraffatti che hanno attraversato le frontiere, più del doppio se si considerano anche i prodotti che circolavano all’interno delle singole aree doganali. Si passa dal 5 per cento del settore dell’orologeria; al 10 per cento della profumeria; al 20 per cento di moda e abbigliamento; al 25 per cento dell’audiovideo; al 35 per cento del software. Nel caso dei prodotti farmaceutici si arriva al 6 per cento, ma in questo caso l’incidenza degli acquisti di medicinali “non originali” (gli altri sono protetti da brevetti) è pressoché nulla da parte dei paesi ricchi, mentre arriva al 50 per cento per quelli in via di sviluppo. Qui la carta di credito galantemente ceduta dal partner c’entra poco ed è solo l’assurda pretesa di non morire che fa fiorente il mercato.
Mentre il direttore creativo di Gucci, Frida Giannini, in un’intervista dichiara che “quando dagli ambulanti che vendono i falsi non vedo le mie borse mi preoccupo”, a riprova che il mercato parallelo è anche fonte di promozione e pubblicità, l’Indicam – L’Istituto per la lotta alla contraffazione – ci fa sapere che tra il 1993 e il 2005 la stima della crescita mondiale della contraffazione dei prodotti è del 1850 per cento; che i posti di lavoro persi sono circa 270 mila, di cui 125 mila nell’Unione europea. Più del 50 per cento dei prodotti contraffatti è di provenienza cinese, coreana o delle fabbriche di Taiwan e degli altri paesi del Sud Est asiatico. Il 35 per cento proviene dal bacino mediterraneo, dove i leader della contraffazione sono Italia, Turchia e Marocco. In Italia, Marche, Toscana e Lazio la fanno da padrone nella pelletteria; la Campania, nell’abbigliamento e la componentistica; il Nord Est e Nord Ovest, nella componentistica e orologeria.
È di pochi giorni fa il sequestro – uno dei tanti – di griffe contraffatte per un valore di circa 200 mila euro, avvenuto nel livornese. Qual è la notizia? Che la Guardia di Finanza indaga anche sulle boutique del lusso quali possibili acquirenti. E il “Che bello, è falso, ma sembra vero!” assume dunque un significato ancora più vero: paghiamo per una borchia, una etichetta, una virgola, una incisione su una fibbia, non per la qualità o l’originalità di un prodotto. Ciò che si vuole acquistare è un segno distintivo da mostrare, un qualcosa che ci fa apparire ciò che non si è. Si compra un’apparenza che falsifica. E, dunque, perché mai le boutique dovrebbero vendere solo il vero? L’apparenza si paga cara.
Compriamo il falso perché la nostra società negli ultimi decenni ci ha insegnato che è l’apparenza che conta. Essere è apparire, consumando e dando l’idea di poterlo fare. Se non si può, si fa finta. Il “facciamo finta” dei bambini che, giocando, impersonano eroi immaginari, credendo che sia realtà. Una società resa infantile dalle suggestioni indotte dai grandi comunicatori. Ecco allora, vecchietti che “fanno finta” di essere gagliardi amatori; show girl che “fanno finta” di essere statiste; politici che “fanno finta” di avere qualcosa da dire; donne e uomini che “fanno finta” di poter comprare ciò che non possono comprare. Che differenza fa?
Un tempo si copiava: dall’artigiano e dalla sarta. Era, ed è, perfettamente lecito, oltre a essere una importante fonte di apprendimento. Oggi che tutto si fabbrica all’esterno, nessun apprendimento virtuoso si genera. Semplicemente si va di contraffazione, cioè si falsifica, commettendo un reato. Non importa: la falsificazione rende apparentemente democratico ciò che, in realtà, è fatto per distinguere e discriminare. Ma poiché all’apparire “uguale a” non si resiste, 300 euro di multa sono ben poco di fronte all’orgoglio del “lo sono anch’io”. Del resto, il “quanto vale” un individuo è ormai la somma del valore di ciò che indossa o di ciò che dice di essere, non certo la somma del valore delle sudate conoscenze, competenze e capacità raccontate nel suo curriculum. E allora, se l’understatement appartiene ai veri Vip – gli anonimi maglioncini di Marchionne, ad esempio – per gli altri è solo griffato, altrimenti non si è. Che bello, è falso, ma sembra vero! E dopo Carosello, tutti a nanna.

Mariangela Paradisi
Corriere Adriatico – Inserto della Domenica  
3 aprile 2011 

Permalink link a questo articolo: http://www.claudiocalzana.it/2011/04/falso-ma-vero/

6 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. Claudio Calzana

    Magari il fine settimana mi darà il tempo per rispondere un po' più ampiamente, però la prima impressione, Mariangela, è che la prendi troppo sul serio, sul difficile. Tutto sta a capire se hai la voce giusta e una storia da raccontare. Il resto si pacifica da solo, se provi. E anche se trovi il gusto di limare le parole, di affinare i personaggi. Insomma, devi provarci e basta, direi.

  2. Anonymous

    Al tavolo per ore già ci sto, Claudio. Tra me, il computer, lo sgabello un po' alto su cui siedo sempre "in pizzo in pizzo" (pronta allo scatto? Le donne si devono alzare al volo per togliere i piatti sporchi e servire il secondo?) e la scrivania, che invano mi propongo di tenere in ordine, c'è una storica simbiosi. La mia ipercinesi si esprime, in realtà, nel saltellare di cosa in cosa.
    Il punto, dunque, semplicemente è: sono in grado di esprimere ciò che vorrei? Perché giallo, noir o semplice racconto immagino che in un libro ci debba sempre essere un po' di te, un te stesso – e i sentimenti, buoni e cattivi, che più ti connotano e che, dunque, ben conosci – spalmato nei vari personaggi che però devono contenere anche "gli altri", i loro sentimenti e comportamenti. Altrimenti, il libro è solo vuoto esercizio intellettuale, tanto quanto la stesura di un testo scolastico. O no?
    Mi chiedo allora, come ci si può distaccare dalla realtà, trasformandola in finzione, senza rischiare la banalità o la schizofrenia narrativa (il libro come catarsi e non come, possibilmente gradevole, mezzo di comunicazione con gli altri)? Insomma, il mio dubbio è: sono in grado rendere oggettivi, in quanto raccontati, sentimenti e percezioni soggettive?
    Fammi capire come si fa, tu che sai (e puoi).
    mariangela

    P.S. Perché non scrivi un post che c’illumini?

  3. Claudio Calzana

    Se lo dice lei…

  4. LEONE

    SE FAI FATICA A SCRIVERE UN GIALLO MEGLIO LASCIAR PERDERE – UN BUON GIALLO SI SCRIVE IN 5 GIORNI E SI LEGGE IN UNA NOTTE

  5. Claudio Calzana

    Molto meglio se non si è paludati e paludosi, cara Mari: quindi via i consueti panni dell'economista, e avanti con il nuovo ruolo, più brillante e sbarazzino, con dosi massicce di fantasia e irriverenza. Se poi ti metti a scrivere, siamo tutti tuoi fan, come minimo: un giallo, un noir, quello che vuoi, sempre che ce la fai a ridurti nei panni di chi se ne sta chino sul tavolo per ore. Quanto al mio prossimo libro, cara la mia marchigiana sifaperdire, nonché ipercinetica, posso solo dirti che i tempi del mercato editoriale sono lenti, i vari responsabili si rimpallano e non prendono posizione, ovvero rimandano, c'è tempo, vedremo. Mi sa che anche questa è crisi, nel senso che del rischio non si vuol sapere nulla, meglio passare il turno e la mano. Morale stiamo a vedere, ma spero che presto prestissimo, qualcosa scuciano 'sti benedetti. Ciao, Claudio

  6. Anonymous

    Grazie Claudio per l'ospitalità e gli apprezzamenti. Di analisi economica in effetti ce n'è ben poca, nell'articolo. Il fatto è che, sciolte le briglie dell'apparire – "conforme" e "conformata", tanto per rimanere in tema – per sopravvenuto e naturale processo d’invecchiamento che mi rende ancor più insofferente al morso stretto, mi va di buttarla in fantasia, quando scrivo. Ecchissenefrega del rigore accademico.
    Va a finire che mi metto anch’io a scrivere un libro. Un giallo, direi. Magari ambientato tra le miserie del mondo universitario. Sarebbe un bell’uccidere, direi. Certamente con efferatezza. Mi trattiene la fatica che ho ben capito dovrei sopportare nel farlo. Ho letto "Il sorriso del conte" (ho già avuto modo di dirti quanto mi sia piaciuto) e ho ben compreso, leggendolo, che non è impegno da poco. Soprattutto per una ipercinetica come me.
    Grazie ancora,

    P.S. Sono romana. Le Marche, benché patria di mio padre, semplicemente mi ospitano da decenni.

    P.P.S. Anch'io sono in attesa del tuo nuovo libro. A quando?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>