Il parere di Andrea Vitali

C’è una cosa di cui vado particolarmente orgoglioso: il testo che Andrea Vitali ha scritto per il retro di copertina del mio romanzo. [ccalz]

Non è da tutti morire col sorriso sulle labbra. Né essere conti, in verità, o beneficiati d’altri variabili quarti di nobiltà. Nella fattispecie de Il sorriso del conte, però, le due cose sembrano necessarie, addirittura indispensabili per creare la magia, la verosimiglianza del racconto. Che, sin dall’inizio, da quel suo sorridente e funerario prologo, ci cala in una sulfurea atmosfera su cui a tratti piove la distillata, piccola pazzia di un periferico “savoir vivre”, mal noto a chi calpesta sempre i soliti salotti e non ha occhi che per certe dame, sempre le solite, anche loro.
Il sorridente Angelo Salani, cadavere di conte, non teme paragoni, neanche da morto. Sa che madre natura non sceglie a caso i suoi soggetti. Che non a caso attribuisce a loro un certo tipo di vita e non un altro. E forse sa anche, ma questa è un’illazione, che sempre non a caso sceglie da sé il narratore giusto per raccontare gesta ed amori, fondendo infine in un unico oggetto autore e personaggio.
Oserei dire che plasma, madre natura. Plasma caratteri e profili, stili di vita e di scrittura. Nasi, sorrisi e atteggiamenti. Oltre che parti dell’anatomia spesso coperte per pudore. Non meno nobili di altre. Anzi, se riescono a dipingere un sorriso, l’ultimo!
Bando alle chiacchiere adesso. E’ tempo di addentrarci nel segreto di quel sorriso che fa capolino nel titolo. Conviene farlo con passi di mozartiana lievità, passi da giardiniere uso a non calpestare aiuole, scoprendo piano piano la famiglia Salani, i suoi segreti e gli altarini mentre sullo sfondo corre il Novecento con tutte le sue turbolenze. Romanzo di atmosfere e di sorprese, questo “sorriso” ne strapperà più d’uno. A chi ama il gusto di sentirsi raccontare una storia e a chi, come il sottoscritto, le storie ama raccontarle. Perché, sia chiaro, una storia siffatta l’avrei raccontata più che volentieri.

Andrea Vitali

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google+ Condividi su Linkedin

Permalink link a questo articolo: http://www.claudiocalzana.it/una-storia-siffatta/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.