La giusta distanza

La frase dell’anno la traggo dal «Diario notturno» (1946) di Ennio Flaiano. Suona così, semplicemente: «Le tragedie, come i quadri, vogliono la giusta distanza».