Qualche prova lirica, in punta di penna.

Il pendolo

Il pendolo

Il pendolo si sa non stamai fermo, l’assetto verticale si ribella. La gente dice: oscilla! No, meglio immaginare una pupilla. Un oggetto quotidiano? La moka.

Con gli occhi bassi

Con gli occhi bassi

Con gli occhi bassi noti dettagli altrimenti muti. Quei legni non sembrano messi a caso: che siano un monito, un invito? Nel dubbio scatto, e li saluto. Se vi piace il genere, ecco qualche altra mia prova poetica.

Stilografica

Stilografica

L’indice poggia sullo scalmo, dosa il segno: così la stilografica secerne le parole. E il pensiero si china sulla carta.

Bicchiere

Bicchiere

Strana la natura del bicchiere: di lato moltiplica lo sguardo, dal fondo tutto piega a miniatura. Assume il colore di quel che contiene, ma lo plasma a sua misura. Non sempre quel che è trasparente è chiaro.

Il muro e la suora

Il muro e la suora

© Claudio Calzana Il muro nonsopporta discussioni:millimetrico il taglio,esatta la porzione. Epensare che non si mettein posa, proprio comecapita a una suora.

La cornice

La cornice

Distoglie lo sguardo, impone il suo centro. Tiene a debita distanza la parete, isola il quadro. Solo se nuda la noti, la cornice.  

Natività

Natività

Il Bambino guarda quella Madre, completamente nudo. Le braccia aperte in cerca di favore. Fiato d’animali impagina la scena, e il Padre intento alla preghiera. Bisbiglia una voce, qui l’uomo attende la Parola. Oggi come allora, seme a dimora.

Ancora cose di casa

Ancora cose di casa

Ancora un oggetto di casa, magari segreto. Più che un oggetto, un rumore, un richiamo per l’appunto. E’ un mio testo di parecchi anni fa, quando pensavo che la poesia fosse esattezza. E magari lo è, ma per esser veramente tale le...

La doccia

La doccia

LA VITA non puoi miscelare come doccia, la ricerca ripetuta della dose e del calore rinvia il contatto. Il vetro trasuda geroglifici a vapore: nell’alveo stillante un temporale privato si consuma.