Ragioni e riflessioni in direzione ostinata e contraria.

Santi librai

Santi librai

Dopo aver svelato che i professori di santi patroni ne hanno ben tre, mi è venuto l’uzzolo di sapere quale martire protegge i librai, mestiere tanto bello quanto esposto a venti e procelle. Bene, anche in questo caso un santo non basta, visto che...

Semafori gay? Anche no, dai

Semafori gay? Anche no, dai

Tutta colpa di Conchita Wurst. La/Il quale, per chi fosse digiuno, è una cantante che esibisce una barba fluente, o un cantante che si esibisce con un seno fluente, a scelta. Conchita vinse l’Eurovision del 2014, il concorso che quest’anno ha...

Auguri, Giuni

Auguri, Giuni

Due lavatrici stese, basta indugi: mi tocca stirare. D’altronde, mica sempre comanda l’intelletto, finalmente è di turno la vita, e per fortuna. Di solito assecondo la corvée con buona musica; stirare non è un diletto, diciamolo chiaro, in certi...

Succede oggi a Bergamo

Succede oggi a Bergamo

Succede a Bergamo, e temo anche altrove: oggi, primo giorno di scuola, alcuni ragazzi hanno sbagliato Istituto. Non semplicemente classe, no, proprio Istituto. Invece di farsi trovare al Tecnico Pippo si sono presentati al Liceo Pluto, o...

Gli illibrati

Gli illibrati

Si sa come funziona il Grande Circo della Comunicazione: un qualche sociologo, piuttosto che una penna ardita, ti inventa un termine destinato a chiara fama. Chessò, i bamboccioni, gli haters, gli sdraiati, i riempi-agenda, i cavafiato, gli...

L’indignazione? Mi ha stufato

L’indignazione? Mi ha stufato

Ragazzi (e ragazze, ovviamente), non so se ve ne siete accorti, ma il mondo là fuori è politicamente scorretto, e ciò nonostante se la passa piuttosto felice. Volete una prova? Eccola, fresca fresca. L’altro giorno al mercato una cliente, saputo...

Good news, bad news

Good news, bad news

Già nel 2008, l’artista svizzero Olaf Breuning si era posto il tema dell’invadenza nonché invasione delle notizie. Siamo a Trento, la performance “Good news, bad news” prevedeva di ricoprire 40 persone con fogli di giornale, a evidenziare...

In ginocchio, suvvia

In ginocchio, suvvia

Questa storia dell’inginocchiarsi sì no forse magari è una di quelle questioni fatte apposta per innervosirmi. Cerco di mantenermi lucido il tanto che basta per discernere la faccenda come si deve. Cominciamo dall’atto, cioè il genuflettersi a...

La letteratura la sa lunga

La letteratura la sa lunga

Di tutto quel che ho letto sul Covid, l’unica cosa davvero sensata – anzi: utile e bella – è L’astuzia del Coronavirus (Piemme), riflessione di un filosofo e studioso d’arte contemporanea qual è Marco Senaldi. Per il resto, ho...

Non è meglio una testa ben fatta?

Non è meglio una testa ben fatta?

Oggi prendiamo spunto da Montaigne, quando scrive che «è meglio una testa ben fatta che una testa ben piena». E qui all’insegnante dovrebbero drizzarsi le orecchie, le antenne e persino le ali. Sì, perché a ben vedere l’intero nostro sistema...

Qui ci vuol la digitale

Qui ci vuol la digitale

La digitale è una pianta medicamentosa che fa bene al cuore, non a caso van Gogh la ritrae proprio in primo piano rispetto al dottor Gachet. Il nome deriva dal latino digitus, dito, per la forma del suo fiore. Proprio per il nome, gli effetti...

Felicità senza voce

Felicità senza voce

Io dico e affermo che v’è rapporto stretto e consanguineo tra l’espressioni di una certa lingua e il carattere di quel popolo, per tacer della realtà che desso popolo tocca con mano e per ciò stesso riesce a concepire. Incipit da illuminista...