Anno nuovo, racconto nuovo

E’ proprio così: oggi il quotidiano La Provincia (edizioni di Como e Lecco) pubblica il mio racconto inedito “Tiro mancino”, come sempre splendidamente illustrato da Stefano Misesti. Buona lettura a coloro che abitano da quelle parti.
 

Permalink link a questo articolo: https://www.claudiocalzana.it/2011/01/anno-nuovo-racconto-nuovo/

4 commenti

Vai al modulo dei commenti

    • Claudio Calzana il 3 Gennaio 2011 alle 15:35
    • Rispondi

    Vedi che ci ho preso? La mano è la mano, lo stile si annusa. Poi magari non te ne fai niente, ma chi l'ha detto? Nel mio caso, se l'Andrea Vitali non avesse insistito mai e poi mai avrei pensato di scrivere qualcosa. Anche solo per passare il tempo.

    • massimo tavecchio il 3 Gennaio 2011 alle 14:07
    • Rispondi

    Scherziamo con i fanti (io) ma lasciamo stare i Santi (il maestro Chiara).
    Le ultime sul tuo racconto lo danno in positivo perchè come nelle migliori tradizioni potrebbe benissimo essere il primo capitolo di un romanzo.
    E tu ne sai qualcosa ….. .
    Per quanto mi riguarda, in effetti, beh, qualche raccontino qua e là, forse uno pubblicato in settimana su La Provincia grazie a un concorso letterario. Roba per passare il tempo. Buona serata, alla prossima.

    • Claudio Calzana il 2 Gennaio 2011 alle 22:21
    • Rispondi

    Caro Massimo, bellissima la tua cronaca in diretta dal Circolino tra gli amici e i bianchini. E grazie per i complimenti. Da quel che leggo, una certa vena non ti manca affatto, sicuro che non hai mai scritto nulla? Proprio come la si racconta agli amici, come faceva Piero Chiara quando se la spassava al biliardo, tirando tardi e affascinando gli avventori.

    • Massimo Tavecchio il 2 Gennaio 2011 alle 20:35
    • Rispondi

    Certo che la domenica in mezzo alle feste non aiuta ma il rito di due balle al "Circolino" va rispettato.
    E così io, altri due quarantenni ex d'assalto e il pensionato Ricu ci sediamo davanti a un bianco, due fette di nostrano e La Provincia sul tavolo dell'osteria.
    Apro il giornale, il racconto di Calzana, mi assento nella lettura, … sapessi scrivere la metà di così….
    Il Ricu vuole sapere; gli giro il giornale, magari guarda il titolo e la figura, come dice lui.
    Mi scappa; l'è de Bergum.
    Ultimo giro di bianchini, di botto il Ricu spara:
    Ah de Bergum, cumè la Talanta.
    Sì Ricu come la Talanta.
    Complimenti per il racconto Claudio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.