Archivio Categoria: parole sante

Mar 08 2017

Già, contubernale

000000362

Era da tempo che non saltava fuori una delle mie “parole sante”: nel post di ieri ho definito “contubernali” gli amici e lettori cui chiedo una mano in vista dell’uscita del mio nuovo romanzo La cantante . Il termine sta per compagno di tenda, si riferisce in particolare ai soldati romani, e a me piace …

Continua a leggere »

Permalink link a questo articolo: http://www.claudiocalzana.it/2017/03/gia-contubernale/

Ott 03 2015

Equoreo

Salvador Dalì, Cadaqués (1917)

E poi ci sono voci che ti saltano fuori all’improvviso: equoreo sta per marino, proprio del mare. Deriva da aequor-aequoris, che sta per superficie piana, richiama il mare quando è calmo davvero, non imbrogliato dal vento. Espressione nobile, che si slancia anche solo ad ascoltarne il suono. Montale la impiega per il tuffo di Esterina: …

Continua a leggere »

Permalink link a questo articolo: http://www.claudiocalzana.it/2015/10/equoreo/

Ago 25 2015

Lux? Da leggere senz’altro (a pagina 65…)

044F301-bighellone

Su fb Mariangela mi scrive parole assai lusinghiere: per chi non bazzica i social eccole qua. E già che ci siamo, c’è pure la spiega di bighellone, si sa mai… “Sono a pagina 65 del libro di Claudio Calzana e non vedo l’ora di finirlo! Spensierato, allegro, ironico di quella ironia che solo la vita …

Continua a leggere »

Permalink link a questo articolo: http://www.claudiocalzana.it/2015/08/lux-da-leggere-senzaltro/

Ago 12 2014

Vuoi mettere venturino?

Thomas Kennington, Orfani, 1885

Rileggendo dopo almeno 40 anni “La luna e i falò” di Pavese, mi imbatto in un termine che mi sfugge, venturino. Ai tempi immagino che sarò andato via di fretta, senza sostare un momento accanto alla parola. Oggi no, oggi è diverso. “Non sai quanti meschini ci sono ancora su queste colline. Quando giravo con …

Continua a leggere »

Permalink link a questo articolo: http://www.claudiocalzana.it/2014/08/vuoi-mettere-venturino/

Ago 04 2014

Lurco come un tedesco

abbuffata-1024x839 (1)

C’è niente da fare. Quando una parola nasce in un certo modo, anzi in un certo contesto, lì spesso si rassegna a stare. Prendete lurco, che deriva dal latino lurco, che sta per ghiottone, ingordo, avido. In Dante, per dire, lo trovate subito accostato ai tedeschi, chissà mai perché. “E come là tra li Tedeschi …

Continua a leggere »

Permalink link a questo articolo: http://www.claudiocalzana.it/2014/08/lurco-come-un-tedesco/

Ott 28 2013

Suburra

subura

Per la rubrica delle mie parole sante è la volta di un termine particolare, suburra. Come ogni espressione ha la sua storia, che è bello raccontare: suburra sta per luogo malfamato, per quartiere dove il crimine si radica e l’immoralità pure. Suburra era un quartiere dell’antica Roma (siamo nella zona che va dal Quirinale e …

Continua a leggere »

Permalink link a questo articolo: http://www.claudiocalzana.it/2013/10/suburra/

Ott 17 2013

La lingèra

Bentivoglio Scarpa Natale, detto Cagnaccio di San Pietro
Il randagio, 1932

Liggera, o lingera, sempre con l’accento grave sulla e, sta per malavita milanese. Ma donde derivi questo termine non è chiaro, ovvero si sprecano le ipotesi. A dar retta al Gadda, che ne sa eccome, “La “lingèra” è la teppa, la malavita: in una sfumatura piuttosto blanda e scherzosa. il ‘lingèra’ è il teppista, il …

Continua a leggere »

Permalink link a questo articolo: http://www.claudiocalzana.it/2013/10/la-liggera/

Ott 14 2013

Nardoso secondo Carlo Emilio Gadda

Kees van Dongen, Donna allo specchio

In un racconto di Gadda, Navi approdano al Parapagàl, lo si trova ne L’Adalgisa, si legge quanto segue: “…sotto la lucentezza nardosa de’ capegli si percepiva di leggieri un’adolescenza alla flanellina, e al rosbiffe”. Ora, sorvolando sull’adolescenza “alla flanellina, o al rosbiffe”, compendio di una vita e insieme capolavoro, come non arrestarsi di fronte a …

Continua a leggere »

Permalink link a questo articolo: http://www.claudiocalzana.it/2013/10/nardoso/

Set 25 2013

Una parola al giorno

download

Vi segnalo questo bel sito, che ogni giorno propone una parola e ne spiega il significato. Utile e molto ben fatto, direi, messo alla prova dalla mia amica Patrizia che ha chiesto il significato, e soprattutto l’etimo, di strafalcione. Ecco che scrivono gli esperti di “Una parola al giorno”. “Strafalcione deriva da [strafalciare] commettere un …

Continua a leggere »

Permalink link a questo articolo: http://www.claudiocalzana.it/2013/09/una-parola-al-giorno/

Giu 12 2013

Quando la scialuppa fa schifo

6

Ora, magari tutti sanno che il termine schifo deriva da schivare, nel senso di evitare: se fa schifo, lo eviti, e dunque eviti (schivi) qualcosa perché ti fa schifo. Insomma, un modo – e un termine – per tenere le distanze. Ora, mi sa che non tutti sanno che schifo vuol dire anche altro, ovvero …

Continua a leggere »

Permalink link a questo articolo: http://www.claudiocalzana.it/2013/06/questa-barca-fa-schifo/

Mag 13 2013

Ma vuoi mettere il tempellone?

Botero, Sala da pranzo

Cari miei, converrete che un conto è pingue, grasso, obeso, atticciato; ovvero paffuto, adiposo o corpulento; senza scordare solido, massiccio, consistente. Son sinonimi, pare, ma mica voglion dire la stessa e medesima cosa: se un’espressione esiste, ci sarà pure un motivo. Grasso è termine incerto e banale, prevedibile e persino malfatto; adiposo inerisce allo strato …

Continua a leggere »

Permalink link a questo articolo: http://www.claudiocalzana.it/2013/05/vuoi-mettere-il-tempellone/

Apr 22 2013

Ribobolo?

James Perry, Serendipity (2012)

Se ne incontrano eccome di parole sante in quel castello d’energia ch’è la prosa del Gadda. Ti vien voglia di imitarla, quando leggi, così ti perdi e non sai più ove ristai. Insomma, ribobolo, che mai è costui? Par sia motto, proverbio arguto, breve ed efficace, vivace e pungente. Ecco come discende il maestro in …

Continua a leggere »

Permalink link a questo articolo: http://www.claudiocalzana.it/2013/04/ribobolo/

Post precedenti «