Archivio Categoria: madre

Mag 05 2011

Suor Marie Keyrouz

Due anni fa moriva mia mamma, a lei dedico questa “Pieta”. Suor Marie Keyrouz non canta, prega, a ben vedere sono le sue mani il centro dell’azione.  

Permalink link a questo articolo: http://www.claudiocalzana.it/2011/05/suor-marie-keyrouz/

Mag 05 2010

Un anno fa

Un anno fa moriva mia madre, dopo lenta agonia. Oggi mi ritrovo a pensare a quei giorni con affetto, per quanto lei ha saputo darmi anche in quei momenti così bui. E mi ritrovo anche alle prese con un problema forse di poco conto, ma che non riesco non dico a risolvere, ma nemmeno ad …

Continua a leggere »

Permalink link a questo articolo: http://www.claudiocalzana.it/2010/05/un-anno-fa/

Mag 21 2009

Le parole di Giacomo

Scelgo le parole di Giacomo per ringraziare ancora una volta tutti coloro che in questi giorni così difficili e particolari mi sono stati vicini. Ne avevo bisogno. [ccalz] Carissimo Claudioho saputo solo ora che la tua mamma è volata in Cielo. Ti sono vicino, come coloro che guardano la sofferenza e piegano gli occhi. Non …

Continua a leggere »

Permalink link a questo articolo: http://www.claudiocalzana.it/2009/05/le-parole-di-giacomo/

Mag 19 2009

Alla madre

Forse, infranto il mistero, nel chiaroredel mio ricordo un’ombra apparirai,un nonnulla vestito di dolore.Tu, non diversa, tu come non mai:solo il paesaggio muterà colore.In un nembo di cenere e di soleidentica, ma prossima al candoredel cielo passerai senza parole.Io ti vedrò sussistere nel vagodegli sguardi serali, nel ritardodei fuochi che si spengono in un agodi …

Continua a leggere »

Permalink link a questo articolo: http://www.claudiocalzana.it/2009/05/alla-madre/

Mag 08 2009

Grazie

In questi giorni per me così difficili e tormentati, da lettori e amici ho ricevuto tantissime attestazioni di affetto. Alla faccia di chi pensa che il mondo dei blog e di Facebook sia fatuo e virtuale, mi piacerebbe allegare le decine e decine di lettere che ho ricevuto, ricche di calore e di umanità. Grazie …

Continua a leggere »

Permalink link a questo articolo: http://www.claudiocalzana.it/2009/05/grazie/

Mag 05 2009

Madre

Stanotte mia madre se ne è andata. Serena, dopo tanto penare. Rispetto al destino che a un certo punto le si era presentato, ha guadagnato oltre vent’anni e quattro nipoti, nel senso che un grave infarto se la stava portando via nel 1986. Di quel primo infarto, mia madre raccontava sempre l’esperienza di morte apparente: …

Continua a leggere »

Permalink link a questo articolo: http://www.claudiocalzana.it/2009/05/madre/

Apr 07 2009

Supplemento

Supplemento: così mi viene di chiamare la porzione di vita che la vita sta riservando a mia madre. A prima vista, uno si domanda perché: oltre l’accanimento terapeutico -e a quello politico, già che ci siamo- magari ci sta pure quello vitale, della vita stessa. Ma a riguardarla meglio questa cosa, e da presso, si …

Continua a leggere »

Permalink link a questo articolo: http://www.claudiocalzana.it/2009/04/supplemento/

Mar 28 2009

Sulla cengia

E’ su una cengia che sta appollaiata mia madre in questi suoi giorni di passione, sospesa tra una non vita e una non morte. Se ne sta lì rappresa alla roccia: ogni giorno le vado incontro, risalendo la cima daccapo. Quando lei si sperde nel sonno, torno sui miei passi, leggero, come un Sisifo in …

Continua a leggere »

Permalink link a questo articolo: http://www.claudiocalzana.it/2009/03/sulla-cengia/

Mar 08 2009

Dante e il paradosso di Zenone

Da qualche parte, credo nel Paradiso, Dante dice: “Ché saetta previsa vien più lenta”, ovvero la freccia, che sai dover arrivare, fa meno male. Forse perché ti prepari, forse perché ti rassegni. Fatto sta che, se il tempo dell’attesa si dilata all’infinito, il tormento magari cresce: sai che il dardo deve colpire, ma ti sfugge …

Continua a leggere »

Permalink link a questo articolo: http://www.claudiocalzana.it/2009/03/dante-e-il-paradosso-di-zenone/

Mar 01 2009

Commenti a L’attesa

Tanti messaggi e commenti al mio post dedicato all’attesa, sia sul blog, sia su Facebook. Sapevo di poter contare sulla solidarietà di molti, e così è stato, grazie. Mi è tornata alla mente una poesia che Gottfried Benn ha dedicato a sua madre: Io ti porto sulla fronte come una ferita che non si chiude. …

Continua a leggere »

Permalink link a questo articolo: http://www.claudiocalzana.it/2009/03/commenti-a-lattesa/

Post precedenti «