«

»

Nov 23 2010

Scolta? Arruffio?

Ebbene sì, ieri ho ceduto di nuovo all’impulso di usare delle parole sante, ovvero desuete e belle. Ho impiegato “scolta”, ovvero guardia, sentinella, e “arruffio”, ovvero disordine, caos.
A proposito di scolta sentite il Cesarotti come traduce un brano dell’Iliade: “Col cibo pria, poscia col sonno ai corpi / diasi ristoro, ma le caute scolte / errino intorno, e sien tra lor divisi  /della veglia gli uffizi”.
Del disordine cui si apparenta, “arruffio” ha tutta l’animazione improvvisa. Viene in mente il Montale di “Giorno e notte”: “Giù sul trespolo s’arruffa il pappagallo / dell’arrotino”.
Qui trovate tutte le parole sante pubblicate sul mio blog.
 

Permalink link a questo articolo: http://www.claudiocalzana.it/2010/11/scolta-arruffio/

2 comments

  1. Claudio Calzana

    La vita come arruffio, tema pirandelliano quant'altri mai, che la trama evoca, imita, richiama. Grazie, Paola, grande citazione.

  2. Paola

    Un bell'esempio tutto pirandelliano, a proposito dell'essere e e della maschera:
    "L’ARRUFFIO, se c’è, dunque è voluto; il macchinismo, se c’è, dunque è voluto; ma non da me: bensì dalla favola stessa, dagli stessi personaggi; e si… scopre subito, difatti: spesso è concertato apposta e messo sotto gli occhi nell’atto stesso di concertarlo e di combinarlo: è la maschera per una rappresentazione; il giuoco delle parti; quello che vorremmo o dovremmo essere; quello che agli altri pare che siamo; mentre quel che siamo, non lo sappiamo, fino a un certo punto, neanche noi stessi; la goffa incerta metafora di noi; la costruzione, spesso arzigogolata, che facciamo di noi, o che gli altri fanno di noi: dunque, davvero, un macchinismo, sì, in cui ciascuno volutamente, ripeto, è la marionetta di se stesso; e poi, alla fine, il calcio che manda all’aria tutta la baracca.
    (da 'Avvertenza sugli scrupoli di fantasia', postfazione a 'Il fu Mattia Pascal' )

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.